BANDO PER L'ACCESSO AL CONTRIBUTO A SOSTEGNO DELLE SPESE IN LOCAZIONE A SEGUITO DI PIGNORAMENTO ALLOGGIO DI PROPRIETA' - ANNO 2018
13/11/2018
BANDO PER L'ACCESSO AL CONTRIBUTO A SOSTEGNO DELLE SPESE IN LOCAZIONE A SEGUITO DI PIGNORAMENTO ALLOGGIO DI PROPRIETA' - ANNO 2018

TECUM - Servizi alla Persona                                                                                 REGIONE LOMBARDIA

Art. 1 – Oggetto delle direttive

Il presente bando disciplina l’erogazione di contributi a nuclei familiari residenti nei Comuni dell’Ambito Territoriale di Mariano Comense, ai sensi della Deliberazione Giunta Regionale 6465/2017 e 606/2018, per il sostegno all’individuazione di un alloggio in locazione a seguito di pignoramento del proprio alloggio di proprietà.

Art. 2 – Finalità e definizione del contributo
Il contributo è finalizzato a sostenere le famiglie nell’individuazione di un alloggio in locazione per soddisfare le proprie esigenze abitative. Tali famiglie devono trovarsi in questa necessità a seguito di pignoramento dell’alloggio di proprietà per mancato pagamento delle rate del mutuo. Il contributo è volto a coprire le spese per la caparra e le prime mensilità del canone di locazione.

Art. 3 – Requisiti del richiedente per il beneficio
Possono beneficiare e presentare domanda i nuclei familiari che, all’atto di presentazione della domanda, sono in possesso dei seguenti requisiti:
- residenza nei Comuni dell’Ambito Territoriale di Mariano Comense Arosio, Cabiate, Carugo, Inverigo, Lurago d’Erba e Mariano Comense);
  • residenza da almeno 5 anni in Regione Lombardia di almeno un membro del nucleo familiare;
  • cittadinanza italiana, di un paese dell’UE, ovvero, nei casi di cittadini non appartenenti all’UE, possedere un regolare titolo di soggiorno.
  • trovarsi con l’alloggio di proprietà “all’asta” a seguito di pignoramento per mancato pagamento delle rate di mutuo;
  • Indicatore della situazione economica equivalente come risultante dall’Attestazione I.S.E.E. ordinario, rilasciato dal CAF, non superiore ad euro 26.000,00;
Non verranno raccolte domande che non saranno in possesso di tutti i requisiti di accesso.

Art. 5 - Struttura della domanda
La domanda deve essere redatta secondo il modello predisposto da TECUM Servizi alla Persona di Mariano Comense (tel. 031749378 – e-mail info@tecumserviziallapersona.it), disponibile anche presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di residenza o sul sito www.tecumserviziallapersona.it, a pena di esclusione.
La domanda per l’accesso al contributo può essere presentata dal titolare dell’alloggio pignorato o dal titolare del contratto di locazione, o da un familiare o da chi ne eserciti la tutela.

La domanda è considerata completa solo se compilata in ogni sua parte e integrata dai seguenti documenti:
  • Modulo domanda;
  • Fotocopia carta d’identità del richiedente;
  • Eventuale titolo di soggiorno in corso di validità;
  • I.S.E.E. ordinario, in corso di validità, del richiedente;
  • Documentazione che attesti lo stato di pignoramento dell’alloggio di proprietà;
  • Proposta di contratto di locazione o contratto di locazione, regolarmente registrato, stipulato per la prima volta dopo il mese di settembre 2018.
Nel caso in cui, dal successivo esame delle domande, risultasse l’incompletezza o la mancanza di dati significativi per l’attribuzione dei punteggi ai fini della stesura della graduatoria, l’interessato è invitato ad integrare la propria documentazione entro 5 giorni dal ricevimento della richiesta per raccomandata A/R pena il non accoglimento della domanda stessa.

Art. 6 – Presentazione della domanda
Le domande dovranno essere presentate presso Tecum sia a mano, nei giorni e negli orari di apertura al pubblico, che a mezzo posta elettronica certificata dal 19 novembre 2018 al 30 aprile 2019 ovvero fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Art. 7 - Valutazione della domanda e assegnazione del contributo
Le domande ammissibili verranno raccolte fino ad esaurimento delle risorse economiche disponibili. Una volta valutata l’ammissibilità della domanda, l’assegnazione del beneficio avverrà sulla base dell’ordine di arrivo delle richieste.

Art. 9 – Condizioni ed Entità
Il Contributo massimo erogabile è pari a € 4.000 da intendersi “una tantum” e non potrà essere superiore all’importo della caparra e delle prime mensilità (in totale massimo 6 mensilità). Non sono ammesse le spese per le utenze e le spese condominiali. Qualora venga erogato dietro presentazione di una proposta di locazione il beneficiario si impegna a presentare entro 2 mesi dall’erogazione la copia del contratto di locazione stipulato e documentazione attestante il pagamento, pena la restituzione del beneficio.

Art. 10 - Comunicazione dell’assegnazione del contributo
L’assegnazione del contributo sarà comunicata ad ogni beneficiario, tramite comunicazione scritta.

Art. 11 - Modalità di erogazione
Il contributo verrà erogato, nella modalità indicata al momento della presentazione della domanda, ovvero:
  • Accredito dell’ammontare della caparra/cauzione sul conto corrente bancario o postale intestato o co-intestato al beneficiario o al familiare richiedente al momento di assegnazione del beneficio, ovvero entro 1 mese dall’ultimazione delle verifiche conseguenti alla presentazione della domanda;
  • Accredito della restante parte dietro presentazione del contratto di locazione e dell’avvenuto versamento della caparra.
Art. 12 Trattamento dei dati
L’acquisizione ed il trattamento dei dati personali, avverranno nel pieno rispetto del Regolamento UE n. 679/2016 recante disposizioni a tutela delle persone rispetto al trattamento dei dati personali.

Art. 13 - Attività di controllo e verifica
Il Comune di residenza, e/o TECUM, potrà procedere ad effettuare, in qualsiasi momento, idonei controlli finalizzati ad accertare la veridicità delle dichiarazioni rese dai richiedenti e, qualora dal controllo emerga la non veridicità, ai sensi del D.P.R. 445/00 art. 71, il soggetto decade dal diritto al beneficio ottenuto (art. 75).
Inoltre, ai sensi dell’art 76 del D.P.R. 445/00, le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali vigenti in materia.
Documenti
  1. II avviso misura 3 alloggio all'asta e sostegno alla locazione
  2. Contributo locazione casa all'asta - modulo domanda
  3. INFORMATIVA PRIVACY misura 3